Kajal, cos’è

La cosmetica è un mondo molto vasto e ricco di prodotti di diverse tipologie e con determinati scopi per migliorare l’aspetto estetico o la salute della pelle. Uno tra i prodotti più diffusi in merito è il Kajal, un cosmetico naturale che viene usato come trucco per gli occhi. Esso offre lucentezza alla cornea e sottolinea il contorno scuro.

Il Kajal non è un prodotto di nascita recente, in quanto già in passato veniva utilizzato per le sue particolari proprietà benefiche per l’utilizzatore. Nello specifico, esso ha origini africane e orientali, e veniva utilizzato sia come un vero e proprio antibatterico e disinfettante, sia per migliorare l’aspetto estetico degli occhi, dando più intensità e profondità allo sguardo.
Generalmente, il Kajal è di colore nero ma è possibile trovare in commercio anche varianti di colore viola e blu. Ciò dipende dalla tipologia di pigmenti che essi contengono. Questo prodotto naturale è disponibile in varie forme, ovvero in pasta, matite e matitoni.

Senza dubbio, la pasta di Kajal è il miglior prodotto tra questi, nonostante rispetto alle matite e matitoni ha applicazione leggermente più complessa. La pasta di Kajal, infatti, assicura pienamente gli effetti degli ingredienti naturali contenuti in essa ed ha una durata molto superiore rispetto agli altri prodotti.

Come applicare il Kajal

Abbiamo parlato di cos’è il Kajal e in cosa consiste nello specifico. Vediamo ora come applicarlo sugli occhi in modo efficace ed efficiente, ottimizzando dunque il tempo.
Per prima cosa, è importante sottolineare che la consistenza della pasta è densa ed omogenea, generalmente di colore nero lucido.

Bisogna prendere un bastoncino di vetro con una punta a goccia arrotondata e immergerlo nella pasta, prendendo un quantitativo giusto, né troppo poco né troppo eccessivo.
Si può ora applicarlo all’occhio. Partendo dalla rima della palpebra inferiore, si deve chiudere l’occhio e si deve passare delicatamente ed omogeneamente il bastoncino di vetro lungo tutta la superficie.

In caso di assenza dell’apposito bastoncino è possibile usare anche un piccolo pennello. L’importante è che abbia l’estremità molto morbida e sottile, per evitare di irritare l’occhio.
Il Kajal è stato applicato! Se si vuole averne un po’ anche sulla palpebra superiore basta massaggiarsi leggermente e si otterrà il classico effetto a sfumatura.

E’ importante ricordare, infine, che questo cosmetico naturale non è waterproof, ovvero non resiste all’acqua, pertanto tende a colare ed a sfumarsi ancor più quando entra a contatto con un liquido qualsiasi.